2017 – L’anno della semina
febbraio 1, 2017
ADI-AID – Via al progetto “Il Buon Samaritano”
febbraio 13, 2017
Mostra tutto

News dall’Africa

La Nigeria, uno dei paesi africani maggiormente colpiti dalle persecuzioni contro i cristiani, ancora sembra essere sotto attacco. Questa volta, però, non stiamo parlando degli adepti di Boko Haram o di altre organizzazioni di stampo terroristico, ma delle stesse autorità locali che, appellandosi a dei cavilli legali, hanno iniziato, con l’aiuto delle forze armate, a demolire delle chiese cristiane nella parte centro-settentrionale del paese.

Sono diverse le forme di persecuzione che quotidianamente i cristiani africani si trovano ad affrontare ma questo non li scoraggia nel continuare a riunirsi, spesso anche all’aria aperta, per continuare a lodare il nome del Signore e far conoscere a tutti la speranza dell’Evangelo.

Su questo stesso fronte, infatti, operano anche i missionari delle Assemblee di Dio in Italia, proprio nel piccolo paese confinante la Nigeria: il Niger.

In un’intervista rilasciata al Notiziario ADI, il missionario Davide Valentino racconta degli sviluppi circa il lavoro di evangelizzazione che si sta svolgendo da oltre due anni. A Davide Valentino è stato chiesto quale lavoro è sia svolto finora e se questo abbia subito rallentamenti a cause delle persecuzioni.

In questo contesto sono nati interrogativi anche sul futuro delle azioni missionarie sul territorio nigerino, proiettando l’attenzione dagli scenari attuali agli obiettivi di domani, anche pensando ad una eventuale attività evangelistica nella vicina Nigeria.

Sicuramente ai pesi dell’oggi e ai desideri del domani, va posta, in anticipo, la preghiera al Signore, con la quale chiedere il Suo aiuto e la Sua benedizione su ogni attività. E sia a coloro che sono preoccupati, ascoltando di fermenti internazionali ad opera di organizzazioni e governi, sia a quanti hanno il desiderio di adoperarsi per la causa del Vangelo, la Bibbia ricorda: “Ci sono molti disegni nel cuore dell’uomo, ma il piano del Signore è quello che sussiste” (Prov. 19:21).