500 Anni della Riforma Protestante
febbraio 1, 2017
News dall’Africa
febbraio 1, 2017
Mostra tutto

2017 – L’anno della semina

“Il seminatore uscì a seminare”, questa frase di Gesù tratta da Matteo 13:3 è stata adottata come testo rappresentativo di un’iniziativa promossa delle chiese Assemblee di Dio in Italia, che vedrà nell’anno 2017 una rinnovata attenzione all’opera di evangelizzazione del nostro Paese. E per sottolineare questo intento si è indicato il 2017 come “anno della semina”.

La Bibbia insegna che l’evangelizzazione non è un’attività facoltativa della Chiesa, o che essa sia da affiancare ad altre possibili iniziative ecclesiastiche. Il testo evangelico indica chiaramente che l’evangelizzazione è il frutto spontaneo, evidente ed insopprimibile della nuova nascita.

In altre parole: l’evangelizzazione è, in primo luogo, esigenza e gioia del singolo credente, dopo è “opera essenziale” della comunità cristiana, che si volge contemporaneamente nei confronti della propria famiglia, della città e della zona nelle quali si abita, fino a raggiungere quelle che Gesù chiama “le estremità della terra”.

A tal riguardo vi l’interessante sequenza, caratterizzata dalle “4 C” ovvero: Casa, Conoscenti, Città e Comuni, potrà risultare utile per ricalcare i diversi ambiti nei quali ogni cristiano è chiamato ad annunciare la salvezza in Cristo Gesù.

Per approfondire il tema gli studi biblici che si terranno durante il prossimo Convegno Pastorale Nazionale del mese di Aprile avranno lo scopo di evidenziarne tutte le implicazioni teologiche e pratiche, ed inoltre in quella stessa sede, si proporranno delle indicazioni generali per procedere al raggiungimento del maggior numero possibile di nostri connazionali con l’Evangelo della Grazia, nonché per coprire le località italiane dove non vi è testimonianza evangelica pentecostale.

A tal proposito è sufficiente un breve sguardo ad alcuni dati per rendersi conto dell’urgenza del compito. Le città italiane dai ventimila ai quarantamila abitanti nelle quali non vi è un locale di culto evangelico ADI, aperto al pubblico, sono più di un centinaio.

Inoltre, occorre impegnarsi in preghiera ed in azione concreta, per raggiungere buona parte della popolazione italiana, che non è distribuita uniformemente sul territorio nazionale, bensì concentrata in alcune specifiche aree geografiche, che annoverano milioni di residenti.

Il campo è vasto, e costituisce una sfida che le chiese delle Assemblee di Dio in Italia hanno sempre accettato e che non intendono fare cadere, per restare fedeli al mandato del Signore Gesù.