Shock dal web: Selfie con donna investita da treno
luglio 7, 2018
Estate 2018 – Letture bibliche sotto l’ombrellone   
settembre 3, 2018
Mostra tutto

ARCHEOLOGIA BIBLICA – Importanti ritrovamenti

Gli archeologi hanno scoperto la porta d’accesso alla città biblica di Zer durante gli scavi effettuati nelle alture del Golan. 

Si tratta di un gruppo di 20 studiosi provenienti da tutto il mondo, che insieme al direttore del Progetto, il Prof. Rami Arav, ha condotto nuovi scavi in due diverse aree di Bethsaida. L’antico villaggio di pescatori è menzionato più volte nel Nuovo Testamento: si tratta di una città in cui Gesù trascorse molto tempo e dove, si pensa, nutrì miracolosamente una moltitudine di persone con cinque pani e due pesci. 

Gli archeologi affermano di aver trovato una serie di opere in mattoni che, credono, siano porte risalenti al periodo del Primo Tempio, ovvero dal 1000 al 586 aC. 

A scanso di equivoci: Bethsaida era il nome della città durante il periodo del Secondo Tempio, mentre durante il periodo del Primo Tempio il nome era Zer. 

In Giosuè 19:35 leggiamo che «Le città fortificate erano ZiddimZerHammathRakkathKinnereth». 

I ricercatori aggiungono che le dimensioni, la ricchezza e le imponenti fortificazioni rinvenute indicano che Zer era una città importante. Il capo archeologo Rami Arav ha, inoltre, dichiarato che «Non ci sono molte porte in questo paese risalenti a quel periodo» 

Quasi 30 anni fa, per conto dell’Università del Nebraskail Prof. Arav iniziò a realizzare gli scavi nell’area del Parco del Giordano, a Nord-est del Mar di Galilea, identificando e localizzando l’antica Bethsaida. Nel corso degli anni, gli scavi hanno portato alla luce moltissimi resti di epoche diverse tra loro. Infatti, gli archeologi hanno trovato monete, perline, brocche e chiavi di casa, oltre a uno scudo appartenuto a un soldato romano. Ma la scoperta più significativa fu il ritrovamento di una moneta databile al 35 a.C., coniata ad Acri in occasione dell’arrivo di Cleopatra Marco Antonio